Salta al contenuto

ADOTTARE I BAMBINI CHE NESSUNO VUOLE, FINO ALLA FINE

image

Mohamed Bzeek è un uomo di 62 anni dalla grande stazza e con una lunga barba brizzolata. Primo di dieci fratelli, è partito dalla Libia per studiare al college negli Stati Uniti, dove poi è rimasto. La sua famiglia era molto povera e molti dei suoi familiari erano stati adottati. Mohamed ha passato gli ultimi 20 anni della sua vita ad accogliere nella sua casa i bambini che nessuno vuole più, quelli che stanno per morire e che vengono abbandonati negli ospedali.

Dal 1989, insieme alla moglie americana ​​ha aperto la sua casa come un rifugio di emergenza per i bambini adottivi che hanno bisogno di inserimento immediato o che sono assegnati in custodia protettiva perchè rifiutati o allontanati dai propri genitori. In questi anni ha dato una famiglia a decine di bambini, la maggior parte dei quali ha terminato la sua vita tra le braccia di Mohamed. In un’intervista afferma: “So che stanno morendo ma li accolgo come se fossero miei figli, prendendomi cura di loro fino alla fine”.

Negli anni la coppia si è fatta carico di tanti bambini affetti da patologie rare o da tumori che non lasciano scampo. Dal 2014 Mohamed prosegue l’impegno anche dopo la morte della moglie e continua a occuparsi specificamente dei bambini malati terminali che nessun altro vuole prendere e che lui dice: “morirebbero da soli, ma io voglio che non si sentano abbandonati”.


Fonte: Los Angeles Times

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...