Salta al contenuto

DALL’ITALIA IL GRANO PER SFAMARE TUTTO IL MONDO

image

È italiana la

rivoluzionaria

scoperta che risponde al problema della produzione agricola nelle zone aride e con poca acqua del mondo, dove centinaia di milioni di persone soffrono la fame e lottano per soddisfare la crescente domanda di cibo.

Il ricercatore Filippo Bassi ha utilizzato tecniche di allevamento molecolare (non geneticamente modificate) per sviluppare una nuova varietà di grano in grado di sopportare un calore costante di 35-40 gradi e di crescere nella savana. Questo grano può essere coltivato nella calura estrema di Paesi colpiti dalle carestie, aumentando potenzialmente le entrate di 1 milione di famiglie di agricoltori. La sua invenzione è stata considerata di tale portata da vincere il Premio Olam 2017 per l’innovazione nella sicurezza alimentare. 

Nelle regioni equatoriali gli agricoltori coltivano riso per 8 mesi all’anno ma il terreno rimane improduttivo per gli altri 4 mesi. Le nuove varietà di grano duro sono state quindi sviluppate per crescere più velocemente in modo che gli agricoltori possano coltivare il grano tra le stagioni del riso. Questa coltura può produrre 600.000 tonnellate di nuovi alimenti, equivalenti a 175 porzioni di pasta per persona all’anno. Dato che il grano ha 5 volte più proteine ​​del riso, oltre a vitamine e minerali, aiuterà anche a migliorare la dieta degli abitanti di questa regione.

Questa scoperta rappresenta secondo gli analisti una rivoluzione per tutta l’area africana e per tutti i paesi in via di sviluppo dal momento che la regione africana ha mediamente la più bassa produttività agricola del mondo.


Fonte: Olam Group – 2 dicembre 2017

ツ diffondiamo la positività condividi

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...