Salta al contenuto

LE BUONE ABITUDINI – un allenamento alla felicità

SENTIRSI SUPPORTATI    ( ▶ esercizio)

 

“Anche se avrò aiutato una sola persona a sperare non avrò vissuto invano”  (Martin Luther King)

 

  1. Fai una lista delle persone vicine a te che ti offrono conforto e sicurezza. È utile tenere in considerazione:
  • Qual è la persona con cui passi più volentieri del tempo?
  • Qual è la persona da cui è più difficile rimanere lontano?
  • Qual è la persona a cui vuoi parlare quando sei preoccupato/a di qualcosa?
  • Qual è la persona a cui guardi quando ti senti giù?
  • Qual è la persona che sarà sempre lì per te?
  • Qual è la persona con cui vuoi condividere i tuoi successi?
  1. Scrivi sei qualità che sono comuni a queste persone; qualità che loro incarnano fortemente.
  2. Dopodiché riporta alla memoria e visualizza una situazione in cui ti sentivi stressato o preoccupato e una di queste persona ti ha confortato o aiutato.
  3. Scrivi una breve descrizione di quella situazione e di come ti sei sentito in quel momento.

 

Molti di noi desiderano essere gentili e premurosi ma spesso ciò è più facile a dirsi che a farsi, specialmente quando ci sentiamo stressati, minacciati o insicuri. Spesso in questi momento la nostra reazione naturale è concentrarci su noi stessi e assicurarci di essere al sicuro, anziché prestare attenzione ai bisogni degli altri e supportarli. Tuttavia disconnetterci dagli altri provoca di fatto un aggravamento del nostro stress.

Questo esercizio ti aiuta a liberarti da questa spirale verso l’interno. La Ricerca sottolinea l’importanza della “sicurezza nell’attaccamento”, uno stato che coinvolge sentimenti di fiducia e conforto. Quando ci sentiamo al sicuro la nostra energia può essere più facilmente diretta verso la cura degli altri. Riflettere sulle persone che nella nostra vita ci amano e supportano può aumentare questa sensazione di sicurezza e ricordarci il tipo di qualità che vogliamo incarnare quando supportiamo gli altri; rendendoci in questo modo più abili nel rispondere in maniera compassionevole quando incontriamo qualcuno in stato di bisogno.

____________________

Dal progetto: I 52 Passi  Mezzopieno

Questo articolo è apparso per la prima volta su Greater Good, il magazine on line del Greater Good Science Center presso l’Università della California, Berkeley, partner di Mezzopieno

_____________________

Questo allenamento è tratto dal programma di formazione per i volontari e per i membri e soci del movimento Mezzopieno

 

Articoli correlati:

LA (NON) RIMOZIONE MENTALE DI UNA PERSONA   ( ▶ esercizio )

AFFERMARE I VALORI IMPORTANTI ( ▶ esercizio )

METTERE LE DISCUSSIONI IN PROSPETTIVA   ( ▶ esercizio )

CHIACCHIERARE CON UNO SCONOSCIUTO   ( ▶ esercizio )

CHIEDERE SCUSA IN MODO EFFICACE   ( ▶ esercizio )

IL DONO DEL TEMPO    ( ▶ esercizio )

VISUALIZZARE IL PROPRIO OBIETTIVO    ( ▶ esercizio )

CONSERVARE LA SPENSIERATEZZA   ( ▶ esercizio )

LA TUA CAPSULA DEL TEMPO   ( ▶ esercizio )

ASSAPORA UNA CAMMINATA   ( ▶ esercizio )

UN ALLENAMENTO ALLA FELICITÀ   ( ▶ esercizio )

TRE COSE BELLE  ( ▶ esercizio )

TROVARE IL LATO POSITIVO  ( ▶ esercizio )

RINUNCIARE A UN PIACERE  ( ▶ esercizio)

LA MIGLIORE VERSIONE DI TE  ( ▶ esercizio)

SUPERARE LA PAURA  ( ▶ esercizio)

USA I TUOI PUNTI DI FORZA  ( ▶ esercizio)

ツ diffondiamo la positività condividi

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...