Salta al contenuto

CALA L’ECONOMIA SOMMERSA: MENO LAVORO ILLEGALE

La crisi innescata dalla pandemia ha penalizzato il lavoro nero più di quello regolare. Nel 2020 l’economia non osservata, la somma dell’economia sommersa e delle attività illegali, è crollata del 14,1%, più velocemente del PIL che nello stesso periodo è sceso del 7,6%, portandone l’incidenza sul prodotto interno lordo italiano dall’11,3% del 2019 al 10,5%. Lo rileva l’Istat nell’ultimo report sull’economia non osservata in Italia.

Le restrizioni imposte nei primi mesi della pandemia hanno impedito a molti italiani di recarsi sul posto di lavoro, questo fenomeno ha coinvolto in misura maggiore i lavoratori illegali. I lavoratori irregolari a tempo pieno sono stati circa 2,93 milioni, il 18,4% in meno rispetto all’anno precedente, quasi il doppio della diminuzione registrata da quelli regolari (-9,9%).
I settori più colpiti sono stati quelli degli “Altri servizi alle persone” che comprendono i lavori domestici e di assistenza e le attività di intrattenimento, dove il lavoro sommerso costituisce il 34,2% del valore aggiunto, il commercio, i trasporti, l’alloggio e la ristorazione (22,1%) e le costruzioni (19,3%).
Il fenomeno risulta invece più contenuto nei tre comparti dell’industria, con un impatto compreso tra l’1,1 e il 2,6% e negli altri servizi alle imprese (1,5%). Nel settore primario il valore aggiunto sommerso, generato solo dalla componente di lavoro irregolare, rappresenta il 16,9% del totale del comparto agricolo.

___________________

Fonte: Istat

 

✔ VERIFICATO ALLA FONTE | Guarda il protocollo di Fact checking delle notizie di Mezzopieno

✖  BUONE NOTIZIE CAMBIANO IL MONDO | Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali

Se trovi utile il nostro lavoro e credi nel principio del giornalismo costruttivo non-profit | sostieni Mezzopieno

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...