Salta al contenuto

IL MONDO CONDIVIDE I SEMI: UN’AGRICOLTURA PIU’ GIUSTA

image

Quasi il 70% dei
semi oggi in commercio proviene da società multinazionali che, tramite il
sistema dei brevetti ed altre forme di tutela della proprietà intellettuale, ne
controllano l’utilizzo e la diffusione da parte degli agricoltori. Chi acquista
queste sementi, spesso non può riprodurle ne utilizzarle per più di un raccolto ed è
impossibilitato allo scambio dei semi con altri agricoltori, pratica in uso fino
al recente passato che puntava a migliorare la resa dei raccolti e a rafforzare
i legami comunitari.

Per offrire
un’alternativa al mercato dell’agri business, la Open Source Seed Intitiative
(OSSI), un progetto avviato nel 2012, ha incominciato ad offrire  36
varietà di sementi vegetali originali a chiunque ne faccia richiesta,

gratuitamente,  raccogliendo sino ad ora oltre
350 ordini da agricoltori di tutto il mondo. “Open source significa condividere
ed i semi in condivisione possono gettare le fondamenta per un sistema
alimentare più sostenibile
e più giusto” spiega Jack Kloppenburg, docente di
sociologia dell’ambiente presso l’Università del Minnesota e fondatore
dell’OSSI.

Chi riceve i
semi dell’OSSI può utilizzarli come desidera, anche a scopo di ricerca, ma deve
assumere l’impegno di non impedire che altri facciano lo stesso. Semi di libertà crescono.


Fonte: Open Source Seed Initiative

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...