Salta al contenuto

SALVARE TUTTE LE LINGUE DEL MONDO

image

Salvare tutte le lingue del mondo: è questo l’obiettivo dei fondatori di Wikitongues, un’iniziativa globale di persone che vanno a caccia degli idiomi meno diffusi del mondo e che, grazie alle nuove tecnologie, cercano di preservarle e di documentarne l’esistenza e le radici.

Daniel Bogre Udell e Frederico Andrade, i fondatori di questa ambiziosa iniziativa, hanno calcolato che esistano oltre 3.000 lingue non scritte e circa 300 che utilizzano soltanto segni. Dal 2012 i due hanno incominciato a filmare delle video-storie a New York, chiedendo alle persone di parlare nelle loro lingue d’origine. In pochi mesi hanno registrato centinaia di idiomi e lanciato un canale YouTube che ha avuto immediatamente un grande successo. Negli anni Wikitongues si è costituita come organizzazione senza fini di lucro e ha intercettato gli ultimi superstiti di molte lingue in via d’estinzione, lanciando anche la piattaforma Poly per mettere in relazione madrelingua con studenti di idiomi rari con l’obiettivo di trasmetterli e salvarli. “Ai bambini viene insegnato quanti paesi ci sono e le regioni del loro paese – spiega Udell – ma nessuno insegna loro che ci sono 7 mila lingue. Ancora oggi la discriminazione linguistica nei media è una cosa del tutto normale, noi vogliamo cambiare le cose”.

Fonte: Wikitongues – 29 aprile 2017

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...