Salta al contenuto

UN NUOVO DESTINO PER LE STAZIONI ABBANDONATE

image

Sono oltre 450 le stazioni abbandonate, concesse in comodato
gratuito dalla Rete ferroviaria italiana a enti locali, fondazioni e
associazioni per realizzare progetti di pubblica utilità.

Il volume “Stazioni Impresenziate. Un riuso sociale del
patrimonio ferroviario” racconta l’esperienza di 88 di queste iniziative in 18
regioni con il supporto di circa 5000 volontari.  

È così che un ex fabbricato viaggiatori di Ronciglione (VT)
si è trasformato in una casa di accoglienza per le famiglie di bambini
ricoverati all’Ospedale Bambino Gesù di Roma che non possono sostenere le spese
di soggiorno. E un ex spogliatoio ferrovieri di Melfi (PZ) un centro di
accoglienza per migranti e a Foggia un fabbricato viaggiatori un punto di
riferimento per migranti e senza dimora.

Un ex magazzino merci a Cernusco-Merate (LC) si è
riconvertito in un parcheggio gratuito per bici che promuove il reinserimento
lavorativo di over50.

La stazione ferroviaria di Redipuglia (GO) ospita il Museo
multimediale della Grande Guerra; in quella di Borgo San Dalmazzo (CN) tre
vagoni su un binario morto sono il “Memoriale della deportazione” degli oltre
350 ebrei da lì partiti per Auschwitz.

Il fabbricato viaggiatori della stazione di Quarona (VC) è
diventato una biblioteca comunale, in quella di Ponte di Piave (TV) è attivo un
servizio di bookcrossing.

Nella stazione di Grignasco (NO) si raccolgono vestiti,
mobili o elettrodomestici per chi ne ha bisogno. Nell’ex magazzino merci della
stazione di Crema l’Officina dell’Aiuto raccoglie e e distribuisce a domicilio
ausili medici e ortopedici ad anziani e disabili.


Fonte: Redattore sociale – 10 aprile 2018

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...