Salta al contenuto

DOPO LA MORTE SI PUÒ DIVENTARE UNA PIANTA

image

Da quando esiste l’uomo la domanda che esso si pone sul destino del proprio corpo è sempre stata presente, in tutte le culture. Tra le risposte più originali si sta facendo strada una urna che dà la possibilità di far rinascere dalle ceneri, un fiore o un albero; un modo che sembra offrire la possibilità, in una certa maniera, di non smettere di vivere dopo la morte.

Si tratta dell’iniziativa di una ditta di onoranze funebri spagnola che ha ideato un metodo ecologico e al contempo poetico per la sepoltura. L’urna Bios è un contenitore ecologico al 100% che si biodegrada durante il periodo di incubazione, diventando lentamente parte del suolo. Con il tempo il seme contenuto nel vaso diventa una piantina. Il contenitore può essere incorporato in un sistema che controlla le dimensioni dell’albero e le annaffiature automatiche e che consente di trasportarlo o trapiantarlo dove si desidera.

Anche in Italia è stato inventato un reliquiario ecologico, realizzato a mano da un’azienda artigianale in Toscana che include le stesse proprietà. L’Urna Rinascita diventa terreno in cui far crescere semi. I nutrienti come fosforo e potassio presenti nelle ceneri, aiutano la pianta nelle fasi di crescita e di assorbimento dell’acqua, quindi a tutti gli effetti questi nutrienti presenti nelle ceneri si trasferiscono prima nelle radici e poi nelle altre parti della pianta. Con un po’ di pazienza e di speranza, basta quindi aspettare il tempo necessario che il ricordo del congiunto si trasformi nella pianta prescelta.

_______________

Fonte: Bios; Urna Rinascita – 23 agosto 2019

Volonwrite per Mezzopieno

✔ Buone notizie cambiano il mondo. Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali https://www.change.org/p/per-avere-un-informazione-positiva-e-veritiera-in-giornali-e-telegiornali

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...