Salta al contenuto

LA SCOPERTA CHE RIVOLUZIONA LA CURA DELLA SLA

image

La medicina personalizzata, cioè la cura
dei singoli pazienti tarata ad personam, è sempre più realtà.

La Città della Salute di Torino ha
contribuito alla scoperta di un meccanismo regolatorio fondamentale di
neuro-ossidazione (NOX) nel processo patologico di malattie quali la Sla,
l’epilessia e la sclerosi multipla. Sono questi i risultati scientifici di un
progetto che è durato 5 anni e che ha portato importanti novità nella
conoscenza dei meccanismi delle patologie
studiate, correlati alla
neurossidazione. A Torino sono stati
coinvolti 130 pazienti affetti da Sla, 70 pazienti affetti da malattie
extrapiramidali e polineuropatie, confrontati con 130 pazienti sani. 

I risultati sono stati presentati in
anteprima mercoledì 23 e giovedì 24 settembre scorsi a Torino, presso il
Centro di Biotecnologie Molecolari (via Nizza 52), durante il Simposio Finale
di ”Neurinox”, progetto del 7° Programma Quadro della Comunità Europea dedicato
a meccanismi e nuovi trattamenti della neurodegenerazione e focalizzato su Sclerosi
laterale amiotrofica (Sla), epilessia e sclerosi multipla.

Neurinox è un
consorzio internazionale di ricerca finanziato dall’Unione Europa che ha
ottenuto un finanziamento di circa 12 milioni di euro. L’unico gruppo italiano
partecipante è stato il Centro Regionale Esperto per la Sla dell’ospedale
Molinette della Città della Salute di Torino, diretto dal professor Adriano
Chiò, a cui sono stati destinati circa 1 milione di euro. Gli altri partner
sono importanti centri di ricerca scientifica di Svezia, Svizzera, Germania,
Francia ed Australia.


Fonte: Quotidiano Sanità

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...