Salta al contenuto

LA BICI-AMBULANZA CHE SUPERA QUALSIASI OSTACOLO

image

Come il
fenicottero sta su una sola zampa, così Flamingo, all’occorrenza, può tirare su
una ruota: questo il nome della bici-ambulanza progettata per le zone rurali
dei paesi poveri dalla designer Marta
Alice Fattorossi, insieme al suo professore, Francesco Trabucco.
Si tratta di una sorta di barella collegabile a una qualsiasi bicicletta e che prevede
la possibilità di tirare su una ruota quando è agganciata. Ruota che può essere
abbassata perché la barella, sganciata, possa procedere spinta a mano nelle
strade più strette.

Esistevano già
biciclette con la barella agganciata sul retro: l’idea originale di Flamingo è quella del
side-car per far sì che l’operatore sanitario, pedalando, abbia sempre il
paziente sotto controllo. Inoltre è semplice da usare, di
facile manutenzione ed ecologica, perché progettata per essere prodotta con
materiali, risorse e tecnologia reperibili anche nelle aree più povere.

Il
progetto per Flamingo frullava nella testa di Marta già ai tempi della sua
permanenza in India come volontaria: nella regione del Sunderbans solo il 10%
delle strade è asfaltato e percorribile da mezzi a motore, un altro 10% è
costituito da sentieri in mezzo alla vegetazione e il 60% da strade sterrate.
Ogni giorno in media 15 persone – di cui 5 bambini – hanno bisogno di
assistenza medica, ma non possono riceverla perché le strade sono inaccessibili.

Flamingo, tesi di laurea
brevettata dal Politecnico di Milano, ha da poco visto la luce come prototipo, che
servirà per trovare ong che insieme a officine locali possano costruirne altri sul posto, con il
doppio effetto di fornire una soluzione di primo soccorso accessibile a tutti e
di implementare la microeconomia locale.


Fonte: Vita

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...