Salta al contenuto

IL PRIMO DIGESTORE CHE DALL’ORGANICO CREA ENERGIA

image

L’Italia vanta un primato poco conosciuto, quello per la produzione di biogas. Un settore composto da un grande numero di aziende e con tecnologie e brevetti all’avanguardia nel mondo.

Una giovane start-up di Modena ha dato vita a il primo impianto bi-stadio in Europa per la produzione di biometano e idrogeno da masse come il siero di latte, la sansa di olive o gli scarti della spremitura degli agrumi. La struttura è stata realizzata a Soliera (MO) e attraverso un nuovo procedimento di digestione della biomassa, utilizza gli scarti per produrre gas per la combustione e idrogeno che può essere utilizzato per impianti a fuel cell. Questa tecnologia ottiene una resa del 20% superiore ai biodigestori tradizionali e abbatte notevolmente i costi di produzione.

Il modello del biogas agricolo italiano è diventata una pratica di riferimento a livello mondiale, seconda realtà in Europa e quarta al mondo, un’eccellenza completamente sostenibile dal punto di vista ambientale. Anche la ricerca internazionale ha riconosciuto la sua importanza, considerando possa rispondere alle necessità di riduzione delle emissioni, di produzione energetica rinnovabile e di valorizzazione economica delle aziende agricole. 

“Il biogas non è una bioenergia come le altre – dichiara Piero Gattoni, presidente del Consorzio Italiano Biogas – in quanto non solo produce energia rinnovabile e programmabile ma diventa anche uno strumento essenziale per decarbonizzare le pratiche agricole. Tutto ciò è perseguibile grazie alla maggiore capacità produttiva del suolo e a pratiche agronomiche che favoriscono lo stoccaggio del carbonio nel terreno”.


Fonte: Biogas Italia; Adnkronos – 16 aprile 2018

ツ diffondiamo la positività condividi

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...