Salta al contenuto

LA DIGA MOBILE RECUPERA UN QUINTALE DI PLASTICA!

image

La
diga
mobile sul Po
inaugurata a Luglio 2018 ha completato la fase
pilota nel mese di Novembre lavorando a regime per quasi cento giorni
durante i quali ha raccolto tre quintali di rifiuti, dei quali 92,6
chilogrammi soltanto di plastica. Le barriere galleggianti hanno
intercettato i rifiuti trasportati dal maggiore fiume italiano
recuperandoli e avviandoli al riciclo prima che raggiungessero il
mare Adriatico. La fase pilota ha dato così i risultati sperati e,
secondo il presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha
promosso l’iniziativa, il progetto acchiappa-rifiuti: “è
riuscito a dimostrare che
è possibile intercettare i rifiuti prima che raggiungano il mare e
diventino così un grave problema ambientale. Una volta in mare,
infatti, i rifiuti a contatto con l’acqua salata, sono
difficilmente riciclabili e nello stesso tempo le plastiche si
trasformano nelle pericolose microplastiche”.

“Il Po d’Amare” è uno dei
primi progetti al mondo di prevenzione dell’inquinamento dei mari
che è causato principalmente dalla cattiva gestione di rifiuti
urbani e industriali sulla terraferma oltre che da abbandoni e
smaltimenti illeciti. Solo il 20 % dei rifiuti che si trova in mare
proviene, infatti, da attività di pesca e navigazione mente l’80%
raggiunge il mare dalla terraferma attraverso corsi d’acqua e
scarichi urbani.


Fonte: Fondazione
per lo Sviluppo Sostenibile
 – 5 aprile 2019

✔ Buone notizie cambiano il mondo. Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali https://www.change.org/p/per-avere-un-informazione-positiva-e-veritiera-in-giornali-e-telegiornali 

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...