Salta al contenuto

SEMPRE PIÙ MURI DELLA GENTILEZZA NEL MONDO

image

Si chiamano “walls of kindness” ovvero “muri della gentilezza” e rispondono allo slogan: “Prendi un cappotto se hai freddo. Lascia un cappotto se non lo usi più”.

Sono muri qualsiasi lungo le strade del mondo, dove è possibile lasciare in dono per i più bisognosi un capo di abbigliamento, come giacche, cappelli e sciarpe.  L’iniziativa è nata in Iran nel 2015 nella città di Mashad, dove per la prima volta alcuni ragazzi hanno maturato l’idea di donare senza essere visti e di farlo attraverso attraverso un muro: un nuovo mezzo per diffondere la gentilezza.  Questa iniziativa solidale si sta diffondendo sempre di più in diverse città, dal Medio Oriente alla Nuova Zelanda. A Uppsala, in Svezia, è stata voluta da un’agenzia immobiliare che nel centro città ha allestito un cubo-muro munito di diversi attaccapanni.

Nel 2016 è arrivato anche in Italia il muro solidale, grazie ai ragazzi del liceo Marymount e degli scout all’interno della sede dell’AMA di Roma. Il muro come simbolo di solidarietà e aiuto reciproco è anche apparso a Monza e a Cerreto Sannita (Benevento) grazie all’iniziativa della Caritas e della Diocesi che hanno voluto l’iniziativa non solo a sostegno dei molti senzatetto, ma anche delle molte famiglie meno abbienti della città.


Fonte: Today – 1 febbraio 2019

Volonwrite per Mezzopieno

Buone notizie cambiano il mondo. Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali https://www.change.org/p/per-avere-un-informazione-positiva-e-veritiera-in-giornali-e-telegiornali

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...