Salta al contenuto

LA PRIMA DONNA A CAPO DI UN GOVERNO ARABO

Najla Bouden è la prima donna ad essere eletta Primo Ministro in uno Stato arabo musulmano, la Tunisia. Nata nel 1958, la sessantatreenne Bouden sarà l’undicesimo capo del governo ad avvicendarsi dalla rivoluzione del 2011 e il suo compito sarà quello di formare un nuovo parlamento in un momento di grave crisi politica ed economica del Paese, rimasto l’unico coinvolto nella primavera araba ad aver mantenuto una forma di governo democratica. Professoressa di geologia presso
Continua...

LE DONNE AFGANE IN ABITI COLORATI CONTRO LA REPRESSIONE

I talebani che hanno preso il potere in Afganistan impongono alle donne di restare in casa o di indossare in pubblico un burqa nero che copre il capo, il volto e tutto il corpo. Queste, insieme ad altre prescrizioni restrittive, hanno stimolato la reazione delle donne afgane che rivendicano la privazione della loro libertà di scelta. Per questo motivo è nato un movimento che utilizza i social media per comunicare e ribellarsi. Bahar Jalali, ex
Continua...

LA REPUBBLICA CECA RISARCISCE LE DONNE STERILIZZATE

Il Governo della Repubblica Ceca ha riconosciuto un indennizzo di 300mila corone (circa 12.000€) a 400 donne sterilizzate forzatamente tra il 1966 e il 2012, in maggioranza di etnia Rom e Sinti. La pratica della sterilizzazione è stata molto comune durante il regime socialista dell’ex Cecoslovacchia ai danni delle donne Rom che spesso venivano tratte in inganno firmando i fogli di consenso alla sterilizzazione, venduta come anticoncezionale temporaneo o praticata direttamente durante il parto cesareo
Continua...

PARITÀ NEL MONDO ARABO: LA PRIMA ASTRONAUTA

Gli Emirati Arabi Uniti hanno selezionato coloro che frequenteranno il corso 2021 per aspiranti astronauti presso la NASA, negli Stati Uniti: si tratta di Mohammed al-Mulla e Nora al-Matrooshi. Al-Matrooshi, ventisettenne ingegnere meccanico, è la prima donna emiratina selezionata per il programma. Il Centro Spaziale Mohammad Bin Rashid di Dubai (MBRSC) ha dichiarato che i due allievi sono stati selezionati tra 4300 candidati a seguito delle prove di conoscenze tecnico-scientifiche, esperienza, abilità psico-fisiche. La partecipazione
Continua...

MAI COSÌ TANTE DONNE AI VERTICI DELLE GRANDI AZIENDE

Il numero di donne che occupano il ruolo più alto nelle maggiori aziende del mondo non è mai stato così alto. Negli ultimi 20 anni il ruolo delle donne nelle imprese è cambiato e il loro accesso alle cariche dirigenziali e ai vertici è aumentato, fino ad includerle tra i leader delle più importanti multinazionali globali. Se nel 1998 una sola donna poteva essere annoverata tra i CEO delle prime 500 aziende della classifica Fortune,
Continua...

L’ARABIA SAUDITA APRE L’ESERCITO ALLE DONNE

Le donne saudite da oggi potranno far parte dell’esercito, lo ha stabilito il Ministero della Difesa dell’Arabia Saudita. Le candidate, come i propri colleghi maschi, dovranno passare alcune prove propedeutiche e rispondere a dei criteri prestabiliti come avere un’altezza minima di 155cm, un’età compresa tra i 21 e i 40 anni, una fedina penale pulita, essere idonee dal punto di vista fisico e non essere dipendenti del governo. Escluse saranno le concorrenti sposate con stranieri.
Continua...

MAI COSÌ TANTE DONNE A CAPO DELLE GRANDI AZIENDE DEL MONDO

Il più grande produttore mondiale di prodotti disinfettanti e per la pulizia, l’americana Clorox ha appena nominato Linda Rendle come nuovo amministratore delegato, portando a 38 il numero di donne a capo delle aziende più importanti del mondo, il maggior numero di sempre. Nell’ultima lista Fortune 500, la quota di donne ai vertici delle società più influenti del mondo è del 6,6% e sebbene sia ancora distante dalla parità di genere, il balzo dell’ultimo anno è
Continua...

IN ARABIA SAUDITA LA FINE DELLA DIVISIONE UOMINI DONNE NEI LOCALI PUBBLICI

L’Arabia Saudita ha ufficialmente abolito la legge che impone ai ristoranti e ai bar di avere locali e posti a sedere separati per donne e uomini. La nuova normativa rappresenta l’ultimo passo del ribaltamento delle restrizioni conservative di genere e del profondo processo di democratizzazione del Paese voluto dal figlio del re, Mohammad bin Salman, diventato principe ereditario a trentatré anni nel 2017. Bin Salman ha dichiarato di voler portare l’Arabia Saudita nel XXI secolo
Continua...

IL VATICANO NOMINA LA PRIMA DIRIGENTE DONNA DELLA SUA STORIA

Per la prima volta nella storia, lo Stato Vaticano ha nominato una donna in una posizione dirigenziale presso la Segreteria di Stato. Francesca Di Giovanni è una laica di Palermo di 66 anni e coprirà il ruolo di sottosegretaria della Sezione per le relazioni con gli Stati, con specifica responsabilità per il settore multilaterale che si occupa delle organizzazioni intergovernative a livello internazionale e della rete di trattati internazionali. La Di Giovanni ha lavorato nel settore
Continua...

LE DONNE ITALIANE TRA LE PIÙ INTRAPRENDENTI D’EUROPA

L’Italia è un Paese con una forte capacità imprenditoriale e con una spiccata predisposizione femminile all’impresa artigianale indipendente. Sono 1.510.600 le italiane che svolgono attività di questo tipo, tra le più intraprendenti in Europa. La crescita delle imprese femminili è stata lo scorso anno del 3,3% e colloca l’Italia al secondo posto nell’Unione Europea. I dati sono stati presentati dal rapporto Confartigianato sull’imprenditoria femminile. Le imprenditrici contribuiscono a creare una ricchezza nazionale di 290,3 miliardi di
Continua...

LE SARTORIE SOLIDALI: DONNE DEL MONDO SI AIUTANO PER METTERSI IN PROPRIO

Una rete di sartorie solidali che crea lavoro e progetti nel Nord e nel Sud del mondo. “L’idea – racconta il promotore Giuliano Andreucci – nasce nel 2006 dopo un viaggio in Brasile. Ho avvertito forte la sensazione di dover fare qualcosa per il prossimo: ho scelto di farlo attraverso la mia qualità principale, ovvero l’imprenditorialità”. Dopo aver letto il libro ‘Il banchiere dei poveri’ di Mohamed Yunus, Premio Nobel per la pace, Andreucci ha avuto
Continua...

IL PRIMO ARBITRO DONNA IN UNA FINALE EUROPEA

Mercoledì 14 agosto, a Istanbul, Stefanie Frappart è entrata nella storia del calcio diventando il primo arbitro donna a dirigere una finale di calcio maschile, valida per l’assegnazione della supercoppa europea. In Aprile l’arbitro francese era stata la prima donna a dirigere una partita di Ligue 1 – il campionato di calcio francese – tra Amien e Strasburgo e qualche mese più tardi, in virtù della sua professionalità e competenza, la FIFA l’aveva incaricata di
Continua...

IN INDIA NASCE IL PARTITO DELLE DONNE, QUASI ESCLUSE DALLA POLITICA

In una cultura ancora fortemente maschilista e radicata nella tradizione patriarcale come l’India, è un salto culturale storico l’annuncio della nascita del primo partito di sole donne. Il National Women’s Party è la prima forma di partecipazione politica democratica interamente femminile, approvata e registrata che si candida per il Lok Sabha, l’assemblea parlamentare eletta con il maggior numero di votanti al mondo (più di 500 milioni nelle ultime elezioni del 2014). 22 anni dopo l’entrata
Continua...

IL FUTURO  È SEMPRE PIÙ DONNA

✔ Buone notizie cambiano il mondo. Firma la nostra petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali https://www.change.org/p/per-avere-un-informazione-positiva-e-v
Continua...

LE STRADE AMICHE: IL PERCORSO SICURO PER TORNARE A CASA

Per consentire alle persone di camminare da sole in città senza timore per la propria sicurezza, soprattutto di notte e in luoghi poco conosciuti, alcuni giovani creativi torinesi hanno pensato di creare una mappatura monitorata costantemente da una comunità di persone che si aiutano a vivere in serenità la circolazione in città. Si chiama Wher ed è una applicazione che permette di avere una situazione costantemente aggiornata delle strade e di scambiarsi consigli e indicazioni
Continua...

MENO CORRUZIONE CON LE DONNE AL POTERE

La presenza delle donne nella politica ha un impatto positivo sulla legalità e influisce concretamente sulla diminuzione della corruzione. L’indagine internazionale, condotta da un pool di Università americane ed europee su oltre 125 Paesi, ha dimostrato statisticamente che la corruzione è più bassa negli Stati dove la percentuale della presenza delle donne in Parlamento è maggiore. Un’osservazione che viene confermata anche da un medesimo atteggiamento anche quando le donne acquisiscono un’equivalenza operativa con gli uomini.
Continua...

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015

Loading...