Salta al contenuto

FUMARE STA PASSANDO DI MODA

image

Un mondo libero dal tabacco entro il 2040.

L’OMS diffonde i dati sulla dipendenza dal tabagismo nel mondo e per la prima volta si parla di un mondo senza fumo. La sfida è lanciata dal Lancet Fund e dalla sua prestigiosa rivista medica, che delineano il piano di azione internazionale per abbattere il fumo ed i suoi deleteri effetti, in maniera definitiva.

Sono 125 i paesi del mondo in cui l’abitudine di fumare ha definitivamente invertito rotta, dove il calo è ormai costante negli ultimi 15 anni; in 37 di essi il trend ha raggiunto addirittura obiettivi del 30% in meno.

Nel corso della Conferenza Mondiale su tabacco e salute che si è tenuta ad Abu Dhabi a fine marzo scorso, i paesi si sono impegnati ad avviare una task force per implementare campagne ed iniziative comuni. L’obiettivo è agire in maniera unita e coordinata nella lotta al fumo, per offrire una migliore qualità della vita ai fumatori e a chi gli sta attorno.

A

10 anni dall’entrata in vigore della prima Convenzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per il controllo del tabacco, il mondo ha dimostrato di essere determinato a raggiungere l’obiettivo comune di ridurre i consumi globali di tabacco del 30% entro il 2025. Si tratta del primo trattato internazionale per la tutela della salute pubblica giuridicamente vincolante, sottoscritto da 175 paesi. Il suo scopo è di proteggere le generazioni presenti e future dalle conseguenze sanitarie, sociali, ambientali ed economiche del consumo di tabacco e dell’esposizione al fumo. Un’iniziativa di grande successo che ha dato molti frutti e contribuito all’introduzione di politiche antifumo e di impegni comuni che hanno permesso la forte flessione dei consumi e delle malattie legate al fumo in molte parti del mondo.

In Italia il 65% della popolazione non ha mai
fumato ed il 13% è ex-fumatore.
Dal 2000 le vendite di sigarette in Italia
sono scese di circa il 25%
. Notevole il cambiamento culturale e la nuova coscienza diffusi a partire dal 2005,
anno in cui è stato approvato il divieto di fumare nei locali pubblici.

Circa l’80% del miliardo di attuali fumatori del mondo abita ancora in paesi a basso e medio reddito, obiettivo della campagna per un mondo libero da fumo è la sensibilizzazione di questi stati e delle loro popolazioni per permettergli di adeguarsi agli standard e ai comportamenti internazionali. Una globalizzazione che spegne il vizio. 

_________________________

Fonte:
World Health Organization
; OSSFAD; DOXA; ISS; The Lancet

Risorse: Call for action

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...