Salta al contenuto

LA PALADINA DEI DIRITTI DEI BAMBINI INDIANI

image

Una
delle piaghe dell’India è quella dei matrimoni precoci. Il fenomeno
più diffuso è quello delle bambine che vengono date in moglie a uomini adulti
ma non di rado accade anche che il matrimonio avvenga tra una bambina e un bambino. Questa pratica è vietata dalle norme indiane
ma, soprattutto negli stati più poveri, i matrimoni che coinvolgono gli adolescenti sono ancora molto diffusi.

In
Rajhastan, stato dell’India settentrionale, Kriti Bharti, una giovane psicologa
indiana di 29 anni, sta portando avanti una importante battaglia per porre fine a questa
brutale violazione dei diritti dei bambini. A tal scopo, ha fondato
un’organizzazione chiamata Saarthi Trust.

Il
lavoro di Kriti e dello staff di Saarthi Trust è un lavoro di successo visto
che, finora, sono già stati evitati più di 900 matrimoni precoci e, cosa ancor
più complessa, ne sono stati annullati 29. Questa è stata la prima
organizzazione che è riuscita a fare annullare un matrimonio precoce in
India, pratica che richiede il consenso della sposa, dei genitori dello sposo e
degli anziani del villaggio, consenso spesso negato.  

L’associazione di Kriti offre anche supporto psicologico e ospitalità alle spose bambine che
fuggono dalle vessazioni subite dal loro coniuge. Finora, sono state 6 mila le
bambine che hanno ricevuto questo aiuto inoltre i volontari dell’organizzazione
sono impegnati in altre attività di sensibilizzazione contro i
matrimoni precoci rivolte alla popolazione (sia agli adulti che ai bambini) in
modo da tentare di estirpare il fenomeno alla radice.


Fonte: Saarthi Trust; Daily Mail

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...