Salta al contenuto

L’ALPINISTA DATO PER MORTO RITROVATO DA UN DRONE

image

Dopo 36 ore di agonia aggrappato da solo ad una parete di una delle montagne più alte del mondo, lo scalatore scozzese Rick Allen è stato salvato da un intervento provvidenziale e inaspettato.

Scomparso nel corso della scalata ad una delle vette del Karakorum, si riteneva morto dopo essere caduto in un crepaccio di ghiacciaio del Broad Peak, una vetta che giunge a 8046 metri nella catena dell’Himalaya. L’alpinista stava tentando di scalare la montagna in solitaria quando non è tornato al campo base, lasciando pensare a tutti che non sarebbe più riuscito a rientrare. La sopravvivenza in queste condizioni e senza equipaggiamento per la notte è considerata praticamente impossibile. “Molte persone hanno pensato che non sarei mai più tornato", ha detto Allen alla CBS News. Al campo base due fratelli Bartek e Andrzej Bargiel, che stavano progettando di battere un record per scalare la vicina montagna K2 e discenderla con gli sci, avevano un drone con loro per filmare la loro sfida. Attraverso la telecamera del drone hanno avviato le ricerche e dopo alcune ore hanno scoperto Allen aggrappato al lato della montagna.

Una squadra di soccorso si è messa in marcia e guidata dal drone è riuscita a salvare l’alpinista e a metterlo in salvo con soltanto alcune escoriazioni e qualche congelamento. Allen ha dichiarato di avere avuto una certa mal sopportazione per i droni utilizzati in montagna ma che dopo questa avventura a lieto fine: “questo ha cambiato la mia percezione sui droni”.


Fonte: CBS News – 19 luglio 2018

ツ diffondiamo la positività condividi

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...