Salta al contenuto

ARRIVANO LE PRIME UOVA CHE NON UCCIDONO I PULCINI

image

Non molti sanno che negli allevamenti di galline ovaiole i pulcini maschi vengono uccisi subito dopo la nascita, perché non produrranno uova e non conviene farli crescere per la carne. I pulcini di solito vengono soffocati o triturati ancora vivi e diventano mangime o concime. Ogni anno nel mondo sono circa 6 miliardi i pulcini eliminati in questo modo dall’industria della pollicoltura.

Un team di scienziati tedeschi ha escogitato un modo per identificare le uova maschili prima della schiusa, permettendone così l’interruzione della cova ed eliminando così la necessità di doverli abbattere una volta nati. Un processo che utilizza una tecnologia rivoluzionaria riesce a identificare il sesso dell’uovo già dal nono giorno della sua incubazione. Usando un laser, si preleva una goccia di contenuto dell’uovo che grazie a un test rileva l’ormone indicante il genere del nascituro.

“Se rilevato che si tratta di un pulcino femminile, dopo il processo di identificazione, l’uovo da cova non ha bisogno di essere sigillato, la membrana si ripara e chiude il piccolo foro dall’interno. Di conseguenza, solo i pulcini femminili si schiuderanno il 21° giorno di incubazione”.

Le prima uova nate da questo processo sono comparse sugli scaffali dei supermercati di Berlino lo scorso mese di novembre con l’etichetta “respeggt” e hanno incontrato grande interesse da parte dei consumatori, disposti a pagarle leggermente di più di quelle convenzionali: pochi centesimi che sembrano spesi volentieri.


Fonte: Seleggt – 22 febbario 2019

Buone notizie cambiano il mondo. Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali https://www.change.org/p/per-avere-un-informazione-positiva-e-veritiera-in-giornali-e-telegiornali

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...