Salta al contenuto

LE LATTINE DIVENTANO DI CARTA: COCA COLA APRE LA STRADA

image

La Coca Cola, la bevanda più consumata nel mondo, ha lanciato la nuova alternativa alla lattina di alluminio estremamente inquinante, la bottiglia di carta.

Dopo essere stata valutata per diversi anni uno dei marchi più inquinanti al mondo, la grande multinazionale ha cercato una soluzione per abbattere questo triste primato e ha lavorato

in collaborazione con l’azienda danese Paboco, specializzata in imballaggi riciclabili per i prodotti, per costruire la nuova lattina di carta. La sfida presenta molte difficoltà per rendere i contenitori di carta efficaci come l’alluminio o la plastica, perché le caratteristiche della bevanda non devono essere compromesse e pressione e resistenza non devono diminuire. Dopo diversi tentativi e sette anni di lavoro e fallimenti la Coca-Cola ha ora lanciato ufficialmente un prototipo delle sue bottiglie di carta sostenibili e biodegradabili che sono pronte per essere messe sul mercato. 

Le prime bottiglie di carta Coca-Cola entreranno in commercio in Ungheria per effettuare la sperimentazione con i consumatori. “Abbiamo già una buona comprensione di quello che potrebbe accadere quando la bottiglia sarà lanciata nel mercato”, ha dichiarato

Michael Michelsen, responsabile di Paboco. “Tuttavia c’è qualche elemento che non possiamo valutare a tavolino”. Sarà quindi il mercato ad avere l’ultima parola.

_________________

Fonte: Coca Cola Company; Paboco; Breakfree from plastic – 23 febbraio 2021

image

✔ VERIFICATO ALLA FONTE | Guarda il protocollo di Fact cheching delle notizie di Mezzopieno

✖  BUONE NOTIZIE CAMBIANO IL MONDO. Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali https://www.change.org/p/per-avere-un-informazione-positiva-e-veritiera-in-giornali-e-telegiornali-e-portare-la-comunicazione-gentile-nelle-scuole

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...