Salta al contenuto

IL GORILLA DI MONTAGNA È TORNATO

image

La popolazione di gorilla di montagna, una delle specie più minacciate al mondo che sopravvive nei vulcani delle foreste dell’Africa centrale, ha superato il momento più critico del rischio di estinzione ed è ora in crescita.

Aumentati di un quarto negli ultimi anni, i gorilla stanno tornando a vivere e a riprodursi con regolarità. Perseguitati dai bracconieri e dai gruppi armati nel massiccio del Virunga, una colonna di montagne vulcaniche nella Rift Valley occidentale a cavallo tra la Repubblica Democratica del Congo orientale, l’Uganda e il Ruanda, questi grandi primati sono stati inseriti in programmi di protezione che li hanno preservati dalla loro scomparsa.

Un’indagine nel 2010 recensì 786 esemplari di questa sottospecie di gorilla orientale, mentre l’ultimo recente censimento ne ha contati 1.004 individui: ha dichiarato Joel Wenga Malembe, portavoce dell’Istituto congolese per la conservazione della natura.
“Questi numeri sono davvero notevoli e superano di gran lunga le nostre aspettative. Sono il risultato di uno sforzo collaborativo di tre paesi e dell’impegno di governi e associazioni che hanno svolto un lavoro molto importante”, ha detto in una nota Mike Cranfield, della carità Gorilla Doctors. Essendo così rari, i gorilla di montagna sono una delle principali fonti di reddito turistico per le tre nazioni e nel loro habitat convivono anche altre specie rare che non si trovano altrove, come le scimmie dorate.

Questa specie è stata minacciata per decenni dalla conversione del loro ambiente naturale in terreno agricolo, in una delle regioni rurali più densamente popolate dell’Africa e dalla caccia per la carne o per la vendita di parti del loro corpo come trofei bizzarri e per la medicina tradizione.


Fonte: Reuters – 1 giugno 2018

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...