Salta al contenuto

SEMPRE MENO RINOCERONTI UCCISI: BRACCONAGGIO KO

image

La caccia al rinoceronte, per impadronirsi del suo corno, è una pratica che ha sterminato questi grandi animali e portato alcune specie vicino all’estinzione.

Secondo i rilevamenti, il bracconaggio è stato fortemente ridimensionamento e il numero di rinoceronti uccisi è in calo e la loro popolazione è in aumento da almeno tre anni. ll dipartimento Affari Ambientali sudafricano ha rilevato che tra il 1° gennaio e il 31 agosto 2018 sono stati uccisi 508 rinoceronti, molti meno rispetto ai 691 dello stesso periodo del 2017.

I bracconieri sono sottoposti a sempre più controlli nel

Kruger National Park, la riserva con la più grande concentrazione di rinoceronti d’Africa. Il numero di animali colpiti dal bracconaggio è in calo di oltre un terzo anche rispetto al 2016.

Utilizzato dagli arabi per le impugnature di pugnali pregiati e dai cinesi nelle ricette di medicina tradizionale, il corno di rinoceronte è bandito da quasi tutti i Paesi del mondo, ma il suo mercato illegale e prospero genera un giro di affari milionario. Nel 2017 sono stati arrestati 471 bracconieri nel parco e il governo ha assunto 1500 nuovi ranger che insieme a organismi locali e organizzazioni internazionali stanno effettuando monitoraggi serrati e campagne di ripopolamento in diverse aree del continente africano. Per la prima volta in 46 anni sono stati avvistati rinoceronti in Ciad e anche in Mozambico alcune zone sono state liberate dagli insediamenti umani per restituire l’habitat naturale ai rinoceronti.


Fonte. Government of South Africa – 21 settembre 2018

Buone notizie cambiano il mondo. Firma la nostra petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali https://www.change.org/p/per-avere-un-informazione-positiva-e-veritiera-in-giornali-e-telegiornali

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...