Salta al contenuto

TORNA IL CERVO BUKHARA CHE SI STAVA ESTINGUENDO

image

Il cervo di Bukhara (Cervus bactrianus) è un mammifero noto anche come cervo della Battriana, in passato diffuso nelle foreste di Afghanistan, Kazakistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan.

Questa razza particolare di cervo è rimasta isolata dagli altri cervi occidentali per tre milioni di anni. A causa della distruzione del suo ecosistema e dei cacciatori di trofei tuttavia il numero di esemplari si è andato a ridurre notevolmente raggiungendo il punto più basso in assoluto a metà degli anni ‘60, quando il numero degli esemplari scese a 300 unità. 

Negli anni ‘70 una campagna di protezione reintrodusse alcuni esemplari in diverse riserve e gli animali trasferiti incominciarono a crescere. Nel 1977 il numero di cervi era nuovamente aumentato a più di 900. Tuttavia a causa del bracconaggio e del crollo dell’Unione Sovietica, il numero di capi scese nuovamente a cifre allarmanti. Alla fine degli anni ’90 ne rimanevano solamente 350 in tutta l’Asia centrale. Una nuova campagna del WWF permise un aumento del numero di capi fino ad arrivare a circa 1000 unità nel 2006. Negli ultimi anni i cervi sono stati reintrodotti in altre aree protette in Kazakistan ed è stato lanciato un programma europeo di riproduzione che ha permesso alla popolazione ospitata negli zoo europei di arrivare a 80 individui che gradualmente sono stati reintrodotti in natura. Una nuova stazione di allevamento in Uzbekistan sta inoltre lavorando per la riproduzione e il reinserimento per questo particolare tipo di cervo e la sua popolazione continua ad aumentare.

________________

Fonte: WWF Russia; Journal of zoo and acquarium resources – 5 dicembre 2019

✔ Buone notizie cambiano il mondo. Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali https://www.change.org/p/per-avere-un-informazion

ツ diffondiamo la positività condividi

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...