Salta al contenuto

IL DESERTO FIORISCE DOPO 4 ANNI

image

l deserto cileno di Atacama, uno dei più aridi della Terra, è scenario di un fenomeno naturale straordinario, la fioritura di milioni di fiori che hanno tappezzato l’arida superficie sabbiosa della pianura. Un evento che si verifica raramente in questa regione del pianeta dove le precipitazioni sono praticamente inesistenti. 

Recentemente una storica nevicata è scesa su Atacama portando uno strato di neve che ha raggiunto in alcuni punti fino a 15 centimetri di spessore. Questo episodio atipico arriva dopo un inverno molto piovoso, evento anomalo in Sudamerica, che ha portato aria gelida dall’Antartide e neve in zone dove non si vedeva da decenni. L’apporto di queste perturbazioni e della tanta umidità ha generato così un’improvvisa fioritura di una grande varietà di specie multicolori, che dopo quattro anni di aridità ha completamente trasformato il paesaggio.

Le piante più numerose che hanno ricoperto il deserto sono le cosiddette Pata de guanaco o doquilla, una specie

appartenente alla famiglia delle portulacacee. La scienza definisce queste piante “specie reviviscenti” perché in mancanza di acqua si seccano così tanto da sembrare morte ma appena ricevono idratazione si rianimano rapidamente e tutte insieme. Molti ricercatori stanno lavorando per sequenziare la genetica di queste specie vegetali e per scoprire cosa le renda così resistenti, caratteristica che potrebbe aiutare a trovare soluzioni scientifiche per l’adattamento a climi sempre più estremi.

_________________

Fonte: Reuters – 29 settembre 2021

image

✔ VERIFICATO ALLA FONTE | Guarda il protocollo di Fact cheching delle notizie di Mezzopieno

✖  BUONE NOTIZIE CAMBIANO IL MONDO | Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali

image

Se apprezzi il nostro lavoro e credi nel giornalismo costruttivo non-profit ✛ sostieni Mezzopieno

ツ diffondiamo la positività condividi

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...