Salta al contenuto

I COMUNI PAGANO CHI VA AL LAVORO IN BICI

Sono sempre di più i Comuni italiani che stanno convertendo una parte del traffico a motore in trasporto a pedali, incentivando le biciclette.

In molte città si possono ottenere fino a 50 euro al mese o un aumento in busta paga se ci si reca sul luogo di lavoro con il proprio mezzo a due ruote. L’iniziativa, nata per ridurre le emissioni di CO2 e per stimolare il contrasto al caro benzina, intende premiare i cittadini virtuosi che, oltre a perseguire uno stile di vita sano, cercano di ridurre l’utilizzo dei mezzi privati per contribuire a preservare l’ambiente.

“Se vai in bici fai un bel lavoro”, questo è lo slogan dell’iniziativa rivolta a tutti i cittadini e alle attività commerciali di Parma, una delle prime in Italia ad adottare il bonus bici. L’iniziativa permette anche di ottenere degli incentivi per l‘utilizzo dei servizi di bike sharing in città, oltre a sconti per l’abbonamento annuale ai depositi di biciclette.

A Caserta, come in altre città, il “Bike to work” riconosce fino a 20 centesimi per ogni chilometro percorso. Per partecipare è sufficiente scaricare un’applicazione che tiene traccia dei chilometri percorsi nel tragitto casa-lavoro e autenticarsi sulla piattaforma del Comune.

L’iniziativa è stata attivata in decine di città grandi e piccole in tutta Italia, tra cui Cuneo, Padova, Treviso, Faenza, Ferrara, Modena e molte altre.

____________________

Fonte: Bike2Work

 

✔ VERIFICATO ALLA FONTE | Guarda il protocollo di Fact checking delle notizie di Mezzopieno

✖  BUONE NOTIZIE CAMBIANO IL MONDO | Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali

Se trovi utile il nostro lavoro e credi nel principio del giornalismo costruttivo non-profit | sostieni Mezzopieno

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...