Salta al contenuto

IL NIDO UMANO DENTRO 350 CASETTE DEGLI UCCELLI

Una casa sull’albero che, come un nido umano, è accolta tra i rami e le foglie di una foresta e che pulsa come un grande cuore circondato di centinaia di dimore di uccelli.

In un remoto bosco nella Lapponia svedese, nei pressi del villaggio di Harads, è stata costruita una residenza resiliente estremamente insolita, una biosfera. La Biosfera è contenuta all’interno di 350 casette per uccelli che accolgono uccelli di varie dimensioni, dai codirossi alle taccole occidentali, le piccole cince dalla cresta grigia, case per api e pipistrelli e nidi di specie a rischio di estinzione. “Mi è nata l’idea di invitare non solo i visitatori umani ma anche la popolazione residente di uccelli e pipistrelli a convivere in uno sciame sferico di nidi” racconta Bjarke Ingels, visionario architetto danese che ha costruito la struttura insieme all’ornitologo Ulf Ӧhman.

“La silvicoltura ha ridotto il numero di buchi naturali negli alberi dove nidificano gli uccelli. L’installazione di nidi è quindi una misura importante che stimola la resilienza” racconta Ӧhman. La biosfera del Treehotel è un paradiso per gli amanti degli uccelli e permette di osservare la loro vita, la nidificazione, l’alimentazione e le loro piccole abitudini quotidiane da vicino, senza disturbarli e stabilendo con la natura un rapporto discreto e silenzioso. Öhman spera che i visitatori dell’hotel saranno incoraggiati dall’esperienza di installare casette per gli uccelli al ritorno dalle vacanze.

____________________

Fonte: BIG Architects; Treehotel

✔ VERIFICATO ALLA FONTE | Guarda il protocollo di Fact checking delle notizie di Mezzopieno

✖  BUONE NOTIZIE CAMBIANO IL MONDO | Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali

Se trovi utile il nostro lavoro e credi nel principio del giornalismo costruttivo non-profit | sostieni Mezzopieno

ツ diffondiamo la positività condividi

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...