Salta al contenuto

SUDAN: IL PRIMO SINDACATO DEI GIORNALISTI IN DITTATURA

I giornalisti sudanesi sfidano la dittatura militare creando il primo sindacato indipendente in 30 anni di regime che ha represso la libertà di stampa e di parola.

La storica mossa ​​vede i professionisti dei media rivendicare i diritti dopo anni di persecuzione sotto Omar al-Bashir. “È un momento storico. Sarà un giorno memorabile per i sindacati, un giorno in cui eserciteremo la nostra democrazia sotto un governo militare e nonostante tutte le manette che ci impediscono di farlo. Credo che altre professioni seguiranno l’esempio” ha dichiarato Abdulmoniem Abu Idrees il neo-eletto presidente del nuovo sindacato.

Sotto Bashir, i giornalisti hanno subito censure, prigionia e torture. Centinaia sono stati arrestati per aver trattato storie che non piacevano al governo, molte testate, TV e radio sono state chiuse. Nel 2016, un’alleanza non ufficiale di medici, avvocati, giornalisti e insegnanti ha formato l’Associazione dei professionisti sudanesi per i diritti che ha svolto un ruolo di primo piano nella campagna per la deposizione di Bashir nel 2019 e alla formazione di un governo di transizione a guida civile. Nel corso del 2020 la mutilazione genitale femminile è diventata illegale, è stata abolita la pena di morte per omosessualità e apostasia, il divieto di consumare alcolici è stato cancellato ed è stato rimosso l’obbligo del velo per le donne e la fustigazione pubblica.

____________________

Fonte: Darfur24; Arab.org

 

✔ VERIFICATO ALLA FONTE | Guarda il protocollo di Fact checking delle notizie di Mezzopieno

✖  BUONE NOTIZIE CAMBIANO IL MONDO | Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali

Se trovi utile il nostro lavoro e credi nel principio del giornalismo costruttivo non-profit | sostieni Mezzopieno

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...