Salta al contenuto

L’UOMO CHE CREA IL GHIACCIO NEL DESERTO

image

Sonam Wangchuck è un ingegnere che vive in Ladakh, trai monti dell’Himalaya. Il suo paese estremamente arido, dipende dallo scioglimento dei ghiacci come fonte primaria di acqua dolce e lotta aspramente contro la siccità, specialmente in primavera. A causa del ritiro dei ghiacciai e inasprito dagli effetti del cambiamento climatico, questo problema sta raggiungendo livelli drammatici, mettendo a repentaglio la sopravvivenza di tanti piccoli villaggi situati a 3500 metri di altitudine.

L’ingegnere ha messo a punto, insieme ai suoi studenti, un ingegnoso metodo per fornire acqua dolce al suo villaggio durante la stagione secca. Si tratta di piccole cattedrali di ghiaccio che, come piccoli ghiacciai, rilasciano l’acqua quando ce n’è più bisogno. Sonam ha creato una conduttura che corre dalle cime delle montagne giù fino al villaggio. Durante l’inverno, l’impianto porta l’acqua a valle come una sorta di sistema di irrigazione fisso. Come l’acqua arriva viene spruzzata in aria e si congela a contatto con l’atmosfera ghiacciata, formando un edificio di ghiaccio fatto a forma di piramide. Nella stagione più calda, il ghiaccio poi si scioglie lentamente e fornisce di acqua pura tutto il villaggio.

Le cattedrali di ghiaccio riescono a fornire al Ladakh oltre 1,5 milioni di litri di acqua dolce nei mesi primaverili fino alla fine di luglio. Nel 2015, gli abitanti del Ladakh sono stati in grado di piantare oltre 5.000 alberelli con l’acqua fornita da questo sistema, creando un’oasi nel deserto.


Fonte: Rolex Awards; guarda il video – 25 giugno 2017

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...