Salta al contenuto

IL LAGO CHE SFIDA IL DESERTO

Nella Cina occidentale si trova un’oasi nel deserto del Gobi conosciuta come Yueyaquan, un lago a forma di mezzaluna che da 2000 anni sfida l’aridità di una delle zone più secche e remote del mondo.

Sulle sue sponde sorge uno dei santuari più venerati del buddismo, un luogo considerato santo dai cinesi che vi si recano in pellegrinaggio a cammello o a piedi, in forma di devozione. La sua sopravvivenza è un mistero, spiegata dall’energia mistica del luogo per molti e dalla sua particolare conformazione geologica che, per alcuni scienziati, permetterebbe alla sabbia di non cadere nel bacino.

Alimentato da una sorgente di acqua dolce che proviene da una falda sotterranea, il suo livello aveva incominciato a calare prima che nel 2006 un progetto di deviazione delle acque dai fiumi Shule e Danghe invertisse il bilancio idrico sotterraneo negativo nel bacino, ripristinando la falda freatica e il livello dell’acqua; la sua profondità e dimensione sono cresciute ogni anno da allora.

___________________

✔ VERIFICATO ALLA FONTE | Guarda il protocollo di Fact checking delle notizie di Mezzopieno

✖  BUONE NOTIZIE CAMBIANO IL MONDO | Firma la petizione per avere più informazione positiva in giornali e telegiornali

Se trovi utile il nostro lavoro e credi nel principio del giornalismo costruttivo non-profit | sostieni Mezzopieno

ツ diffondiamo la positività condividi

Leggi più notizie su:

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...