Salta al contenuto

LA PAPUA NUOVA GUINEA ABOLISCE LA PENA DI MORTE

Con un decreto del 20 gennaio la Papua Nuova Guinea è la prima nazione ad abolire la pena di morte nel 2022. La pena capitale, abolita nel 1970 ma riabilitata nel 1991, era prevista per i reati di tradimento, pirateria, omicidio, stregoneria e stupro. Sebbene l’ultima sentenza sia stata eseguita nel 1954, circa 40 detenuti in attesa di esecuzione vedranno la propria pena commutata in ergastolo senza condizionale. Il Ministro della Giustizia Bryan Kramer aveva
Continua...

LA SIERRA LEONE ABOLISCE LA PENA DI MORTE

Con una delibera parlamentare storica è stata abolita la pena di morte nello Stato africano della Sierra Leone. La pena era stata inserita nella Costituzione del 1991 per i reati di rapina aggravata, omicidio, tradimento e ammutinamento, ma già dal 1998 non era stata più in pratica eseguita. La nuova legge, oltre a sancire l’abolizione definitiva della pena capitale, prescrive la commutazione in ergastolo delle sentenze dei 99 detenuti nel braccio della morte del Paese
Continua...

GLI STATI UNITI SOSPENDONO TUTTE LE ESECUZIONI CAPITALI

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sospeso le esecuzioni capitali federali, ribaltando la prassi reintrodotta dall’ex-presidente Donald Trump che nel corso del suo mandato ha eseguito 13 condanne a morte. L’annuncio è stato dato dal ministro della Giustizia, Merrick Gardland, accompagnato da una dichiarazione uffciale che apre ad una “revisione complessiva per affrontare serie preoccupazioni legate alla questione della pena di morte”. L’amministrazione Trump, per la prima volta nella storia degli Sati Uniti,
Continua...

IL MALAWI ABOLISCE LA PENA DI MORTE

Con una sentenza del 28 aprile 2021 la Corte Suprema del Malawi ha dichiarato la pena di morte incostituzionale in quanto lesiva del diritto alla vita, sancendone ufficialmente l’abolizione. La Corte, chiamata ad esprimersi sul tema dal ricorso presentato da un condannato, ha ordinato l’annullamento della pena per più di 37 detenuti in attesa di esecuzione, convertendo la condanna al carcere a vita. Storicamente in Malawi la pena capitale è stata riservata ai colpevoli di
Continua...

IL TEXAS CANCELLA UNA CONDANNA A MORTE DOPO 45 ANNI

Raymond Riles è il condannato a morte da più lungo tempo in attesa di’esecuzione negli Stati Uniti; dal giorno in cui è stata emessa la sentenza nel 1975 sono passati 45 anni. La Corte del Texas ha ora deciso di annullare la sua condanna. Riles ha una lunga storia di malattia mentale e secondo le valutazioni dei pubblici ministeri l’uomo non deve essere giustiziato. “La legge sulla pena di morte si è evoluta e ora
Continua...

LA VIRGINIA HA ABOLITO LA PENA DI MORTE

Lo Stato americano della Virginia è diventata il primo del sud degli Stati Uniti ad abolire la pena di morte dopo che il suo governatore ha firmato una legge che pone fine in modo definitivo e irrevocabile alla pena capitale. Il governatore Ralph Northam ha reso ufficiale una promessa di cui si è fatto portavoce dall’inizio del suo mandato, affermando che “Firmare questa legge è la cosa giusta da fare. Non c’è posto per la
Continua...

LE ESECUZIONI CAPITALI AI MINIMI NEL MONDO

Nel 2020 sono state giustiziate meno persone degli ultimi 30 anni. Le esecuzioni capitali nel mondo sono ai minimi storici e anche il numero di persone che sono state condannate a morte è in forte diminuzione da quando la Corte Suprema degli Stati Uniti, uno degli ultimi Paesi al mondo in cui esiste ancora la pena di morte, ha creato il quadro giuridico che disciplina la pena di morte, nel 1976. ll rapporto annuale del Death
Continua...

ANNULLATA L’ESECUZIONE DOPO 30 ANNI: ERA INNOCENTE

Christopher Williams ha trascorso 31 anni in prigione in Pennsylvania prima di essere scagionato dall’accusa di triplice omicidio e della partecipazione ad altri due episodi letali per cui era stato condannato a morte. “Un fulmine ha colpito due volte”, ha detto il procuratore, che ha archiviato il caso con il verdetto di innocenza piena. L’uomo è stato rilasciato dal carcere dove stava scontando l’ultima condanna per omicidio, dopo essere stato accusato di sei casi, assolto
Continua...

LA TANZANIA CANCELLA L’ESECUZIONE DI 256 DETENUTI

In occasione della Giornata dell’Indipendenza della Tanzania, il 9 dicembre, il presidente Jonh Magufuli ha commutato in ergastolo la pena di morte di 256 detenuti in attesa di esecuzione. “Oggi è la nostra Giornata dell’Indipendenza, avrei dovuto autorizzare la morte di 256 condannati. Non ne ho eseguita una. Commuto queste pene in ergastolo,” ha dichiarato il presidente. “La legge dice che dovrei impiccarli tutti. Ma chi sarebbe alla fine il peccatore maggiore? Chi ha ucciso
Continua...

IL KAZAKISTAN ABOLISCE LA PENA DI MORTE

Con la firma del Secondo Protocollo Aggiuntivo del Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici (ICCPR) adottato dall’ONU nel 1989 avvenuta il 23 settembre, il Kazakistan dichiara ufficialmente l’abolizione della pena di morte. Nel 2007 era stata approvata una moratoria che restringeva la pena capitale solo ai colpevoli di reati estremamente gravi ed efferati o di atti terroristici. L’ultima esecuzione avvenuta nel Paese risale al 2003 ma l’atto sancisce la definitiva messa al bando della
Continua...

IL CIAD ABOLISCE DEFINITIVAMENTE LA PENA DI MORTE

Il 28 aprile l’Assemblea Nazionale della Repubblica del Ciad ha approvato all’unanimità una risoluzione che sancisce l’abolizione della pena di morte per i crimini di terrorismo. In seguito alla promulgazione, l’8 maggio 2017, del nuovo Codice penale nel Paese, la pena di morte era stata abrogata, ad eccezione dei reati connessi appunto al terrorismo. Lo Stato africano è stato più volte colpito da azioni del gruppo jihadista Boko-Haram e questa caratteristica rende la risoluzione particolarmente
Continua...

IL NEW HAMPSHIRE ABOLISCE LA PENA DI MORTE

Il New Hampshire è il ventunesimo stato degli Usa ad abolire la pena capitale dal suo ordinamento giuridico. Lo hanno stabilito la Camera e il Senato con una maggioranza assoluta e schiacciante che ha impedito l’applicazione dell’ennesimo veto del Governatore locale Chris Sununu, contrario alla sua abolizione che, come i suoi predecessori, la aveva respinta per tre volte negli ultimi 19 anni nonostante la forte pressione popolare e internazionale. Il New Hampshire era rimasto l’ultimo
Continua...

LA CALIFORNIA DICE STOP ALLE ESECUZIONI CAPITALI

Il Governatore dello Stato della California, Gavin Newsom, ha annunciato una moratoria sulla pena capitale, concedendo la sospensione delle esecuzioni per i 737 detenuti attualmente nel braccio della morte del suo Stato. La decisione assume un valore altamente simbolico e sancisce in pratica una ufficializzazione dell’interruzione delle esecuzioni. Sebbene l’ultima pena di morte sia stata eseguita nello Stato nel 2006, nessuno si era mai sbilanciato a definirla abolita. Considerate le dimensioni e l’importanza politica della
Continua...

IL BENIN ABOLISCE LA PENA DI MORTE

Il Benin, attraverso un decreto emesso dal Consiglio dei ministri diretto dal presidente Patrice Talon, ha abolito la pena di morte. L’abolizione è stata annunciata dal ministro della Giustizia dello stato africano che ha riferito al Consiglio, la decisione presa dal Presidente della Repubblica, con decreto presidenziale in conformità con l’articolo 60 della Costituzione per commutare le sentenze capitali comminate dai tribunali nazionali in ergastoli. Nel testo del decreto si nota che già nel 2012
Continua...

ESECUZIONI CAPITALI AI MINIMI DA 25 ANNI

Sono sempre di più le persone contrarie alla pena di morte e in calo il numero di Paesi che ricorre a questa sanzione penale. Il consenso per la pena capitale negli Stati Uniti, uno degli ultimi Stati occidentali ad utilizzarla, ha raggiunto nel 2016 il punto più basso degli ultimi 40 anni. Sono infatti 5 su 50 gli Stati della federazione che prevedono ancora la pena capitale e le esecuzioni effettuate nell’ultimo anno sono risultate in
Continua...

SALVATO DALL’ESECUZIONE DAL PERDONO PIÙ GRANDE

In Iran esiste ancora la pena di morte ma in un alula del tribunale di Saqqez, nella provincia iraniana del Kurdistan, si è verificato quello che è probabilmente il più nobile dei perdoni: quello che ha salvato la vita ad un giovane condannato, Rauf Hasani. A graziare l’assassino è stata la famiglia dell’assassinato che ha deciso di perdonare il suo gesto e di cancellare l’esecuzione. Hasani era stato condannato a morte dal tribunale per un
Continua...

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015

Loading...