Salta al contenuto

LA RIVOLUZIONE DELLA GENTILEZZA

image

Sa di altri
tempi, parlare di gentilezza, un argomento che sembra riservato all’educazione
dei bambini e alla vecchia nobiltà. Ma la cortesia è una risorsa un po’ dimenticata
dalla silenziosa forza sovversiva.

In una
società come la nostra in cui la libertà è spesso intesa come possibilità di
esprimere la propria personalità e di ribellarsi a ciò che non si comprende, la
moderazione e la delicatezza sembrano trovare sempre meno spazio. Se vigore e
determinazione sono considerati valori vincenti per raggiungere efficacemente
obiettivi sempre più competitivi, non significa tuttavia che si debba
rinunciare a quella che è probabilmente la qualità più sottile e nobile
dell’essere umano, la dolcezza dell’animo. Appare persino banale parlare di
garbo come di un valore positivo ma nella quotidianità che ci circonda, al
contrario, sembrerebbe proprio l’opposto a prevalere. Ma siamo una società
cattiva allora? No, distratta.

La gentilezza
è un atto superfluo, un’attenzione gratuita e disinteressata per qualcuno a cui
non si deve nulla; un gesto di riconoscimento della presenza altrui che per sua
natura si offre con delicatezza, senza mai imporsi. Essere gentili segue la
scelta di uscire dalla propria dimensione per calarsi in quella dell’altro e
cercare il suo benessere; un gesto che ha effetto benefico su chi lo compie e
su chi lo riceve. Quante altre cose nella vita posseggono questa meravigliosa
qualità? L’affabilità oltre ad avere una profonda radice etica, è notoriamente una virtù custodita da chi
è consapevole del fatto che fare del bene è il primo passo dello stare bene.
Quella che può essere fraintesa come una debolezza demodé è invece una dote che
appartiene a chi conosce il valore della pazienza e dà importanza agli altri,
riservando per loro le cose migliori, insieme alla sua tolleranza. È molto più
difficile essere garbati che scortesi, soprattutto nei confronti di chi non
pratica lo stesso tipo di attenzione ma spesso la cortesia può essere più forte dell’eloquenza o della sapienza, nel
compito del servizio al bene.

La gentilezza è il linguaggio che anche il sordo può sentire
e il cieco può vedere, un atto che combinato con la misura e la forza può
raggiungere profondità inimmaginabili, dà poesia alla vita e grazia ad ogni
momento, trasformando intimamente ciò con cui viene in contatto. La gentilezza è una pianta che si
semina e, come poche altre cose nella vita, dà i suoi frutti subito e guadagna
sapore con la maturità. Perfino il
più piccolo gesto di gentilezza può illuminare un cuore incattivito e
addolcirlo. La gentilezza può cambiare davvero una giornata e la vita delle
persone.

Gentilezza significa ricercare la via armoniosa di ogni
rapporto, ascoltare le esigenze di ciò con cui si è in relazione, non solo delle persone importanti o
utili ma anche nei confronti dei piccoli e di chi non può restituire niente,
anche con chi è sgarbato, quelli che ne hanno più bisogno.

Gentilezza è
vivere con grazia lo scambio con gli altri, ma anche con sé stessi, con
l’ambiente, con il tempo e con il destino. Ascoltare, attendere e concedere il
giusto tempo a ogni cosa, accettare le differenze e le incomprensioni, anche i
rifiuti, avere un approccio disponibile e benevolo nel giudizio e con l’idea di
dover avere ragione.

Nessun atto
di gentilezza è sprecato perché non mira ad un risultato ma ha valore per se stesso,
senza aspettarsi una ricompensa. Una carezza dell’animo ammorbidisce in
profondità ed è la trincea contro la solitudine e la paura. Ogni cosa può
essere rivestita di gentilezza, anche il silenzio, un sorriso senza ragione, un
piccolo gesto inatteso o un’arcaica galanteria, anche da parte di una donna (il
gentil-sesso), perché no?

Ogni persona,
come noi, sta combattendo la sua battaglia e non ne sappiamo nulla, alleiamoci
invisibilmente con lei. Il potere trasformativo della gentilezza è reale e sperimentabile,
impariamo a viverlo come un’abitudine, non un’eccezione, e a partire da noi
stessi, come una bella melodia, si diffonderà addolcendo tutto attorno a noi.


Luca Streri

Articoli correlati:

La sindrome del creditore e le aspettative

– Il vaso della gratitudine

– Può esistere un’alternativa conformista?

– La nuova innocenza

– La felicità perfetta

– Liberare il conflitto

– La giustizia e la politica della molteplicità

– La fiducia ci salverà

– L’esperienza permanente della gioia

– È questo il migliore dei mondi possibili?

ツ diffondiamo la positività condividi

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...