Salta al contenuto

LIBERTÀ E FELICITÀ

Editoriale

image

Liberi
come farfalle, come il vento, come un pensiero. È così grande il desiderio di
sentirsi liberi da essere a volte addirittura paragonato alla felicità o da
diventare un obiettivo, un ideale o persino un mito.

Intesa
come possibilità di agire e di scegliere senza costrizioni né condizionamenti o
come mancanza di vincoli e confini estesa all’infinito, per alcuni la massima affermazione
della propria volontà e della individualità, la libertà è sempre stato uno dei
principi universali a cui tendono tutti gli esseri umani. Tutti vogliono
sentirsi liberi: liberi di fare ciò che si vuole, liberi dalle preoccupazioni, dai
ruoli sociali, dalla sofferenza, liberi di non faticare, di avere ogni cosa, di
andare dove si vuole, di poter dire tutto ciò che passa per la testa. Uno dei
più grandi paradossi, tuttavia, è quello di legare la libertà all’avverarsi
di specifici obiettivi o alla realizzazione di
determinate condizioni.

Pensare,
ad esempio, di essere liberi quando non si dovranno più pagare le
tasse, non ci renderebbe forse schiavi del denaro che vorremmo poter tenere per
noi? O concepire la libertà come la mancanza di orari e di regole, non ci
priverebbe inesorabilmente della possibilità di organizzare e di coordinare la
nostra vita all’interno di una comunità? Sembra paradossale ma la ricerca della
libertà può rischiare di diventare una schiavitù. Cercare di togliere barriere
e limitazioni, ci obbliga a porre in atto dei meccanismi di eliminazione che ci
legano al loro esito, incatenandoci all’oggetto che ci impedisce di sentirci
liberi. Affermare la propria libertà all’interno di una comunità, come il mondo
in cui viviamo, è inevitabilmente legato alla scelta di mettere liberamente in
condivisione con gli altri una parte della propria libertà per poter costruire
la libertà collettiva. Per questo sono nate le regole, gli accordi e
addirittura le società, luoghi dove lo spazio di incontro tra diverse libertà
individuali diventa un arricchimento reciproco trasformandosi in quella che
viene chiamata collettività.

Siamo
nati liberi, come frutto di una emanazione libera di amore della vita, incontenibile
e potente e ogni volta che nasce una persona, il mondo si trova ad affrontare
il modo di creare nuovo spazio, costruire una nuova libertà, all’interno delle
libertà già esistenti. Tutto è connesso e si espande grazie all’arbitrio che
liberamente agisce allargando le possibilità e la condivisione sociale, mettendo
in connessione tante libertà e diverse capacità, costruendo così nuove
opportunità liberanti. Essere liberi non vuol dire volare come un uccello, una
possibilità che non fa parte del patrimonio umano, ma significa poter cercare
il modo di elevarsi in cielo grazie alla libertà di ingegnarsi e di utilizzare
gli strumenti offerti dall’ambiente e dal mutuo concorso nella ricerca di modi diversi
per volare. La libertà è definibile solo all’interno delle nostre possibilità,
oltre queste si tratta di capacità che possiamo acquisire con l’impegno e la
collaborazione di cui siamo liberi di disporre. Non è la fantasia a stabilire i
limiti alla nostra libertà ma la capacità, e siccome le capacità sono presenti
sotto forma di doti, di apprendimento o di condivisione, la libertà è uno stato
che tutti possediamo ma in maniera diversa e che si può ampliare soprattutto all’interno
di una dimensione collettiva.

L’errore
più grave che si possa fare è di confondere la libertà con il desiderio. Il
desiderio slegato dalla possibilità diventa illusione, schiavitù e aspettativa,
presupposti dell’infelicità. La vera libertà che tutti abbiamo è quella di
poter partecipare alla costruzione della libertà del mondo, del nostro cerchio
di vita, del nostro vicino, una libertà che ci permette di elevare il nostro
ruolo nella storia, come costruttori sempre più liberi e liberatori di compiere
atti gratuiti e vivificanti, dopo aver riconosciuto in ognuno di noi la libertà
di prendere parte alla costruzione del cammino del mondo.

Non
possiamo camminare sull’acqua ma siamo liberi di costruire una barca per farlo.
Non sappiamo parlare tutte le lingue del mondo ma abbiamo la libertà di
impararle. Non possiamo cambiare il futuro ma possiamo decidere come viverlo. La
libertà è un punto di partenza, non di arrivo. Dal momento in cui ci sentiamo
liberi apriamo il nostro mondo ad un’infinità di possibilità e ci liberiamo dai
condizionamenti che vorrebbero imporre dei modelli di libertà che invece rischiano
di diventare catene. Liberi di avere ogni cosa, di non avere regole, di fare
ciò che ci va, di non soffrire: non sono queste libertà ma dipendenze ad una idea
di felicità che non esiste. La libertà non è che una possibilità di essere
migliori, un’autonomia di pensiero che ci permette di non desiderare ciò che
non ci è possibile avere, una consapevole presa di coscienza dell’infinita
essenza del nostro essere e delle sue potenzialità. Essere liberi ha molto di
più a che fare con uno stato mentale che con delle condizioni o dei compromessi.

Tutti,
presto o tardi, abbiamo avuto la sensazione che qualcosa ci chiamasse a
percorrere una certa strada nella vita: questo è il richiamo della libertà. Ogni
atto compiuto liberamente si incastra nel mosaico che costruisce l’armonia
universale.

Assaporiamo
una parte minuscola di questa vita ma sappiamo che c’è molto di più: è ciò che
ci lasciamo sfuggire a determinare la nostra capacità di sentirci liberi. La
libertà non è il volo della farfalla, è la farfalla.

 _____________________________

Luca Streri

Fondatore del movimento Mezzopieno

Articoli correlati dello stesso autore:

– Combattere o adattarsi: il dono reciproco del compromesso

– Abbracciare il mondo per non perderselo

– La bellezza nascosta in ogni cosa

– Il cambiamento e l’equilibrio: la misura della pace

– La forza silenziosa della mitezza

– Il tempo che custodiamo dentro di noi

– La riscoperta dell’attesa

– Una vita che valga la pena di essere vissuta

– La rivoluzione della gentilezza

– La sindrome del creditore e le aspettative

– Il vaso della gratitudine

– Può esistere un’alternativa conformista?

– La nuova innocenza

– La felicità perfetta

– Liberare il conflitto

– La giustizia e la politica della molteplicità

– La fiducia ci salverà

– L’esperienza permanente della gioia

– È questo il migliore dei mondi possibili?

ツ diffondiamo la positività condividi

Articoli correlati

© MEZZOPIENO NEWS | TESTATA REG. TRIB. TORINO 19-24/07/2015
Loading...